La flessibilità come elemento di novità nel mercato del lavoro post pandemia

Nel mercato del lavoro post Covid-19 crescono la domanda e l’offerta di posizioni part-time, a tempo determinato e da remoto.

Come sono cambiate le aspettative e le prospettive di lavoratori e datori di lavoro in Italia e in Europa durante e dopo la pandemia.

Mentre la fase più cruda della pandemia sembra superata, almeno in alcune regioni del mondo, il ritorno alla normalità è segnato in modo imprenscindibile dalle evoluzioni del mondo del lavoro.

I dati raccolti attraverso la nostra piattaforma, con oltre 90 milioni di utenti registrati in 58 Paesi, sembrano delineare l’emergere di nuove tendenze diffuse in diversi mercati.

La prima, e forse più significativa, è che il clima di incertezza ha portato tanto i candidati quanto le aziende a focalizzarsi su soluzioni a breve termine. Solo nel mese di marzo 2020 Jobrapido ha registrato una crescita del 20% a livello globale delle offerte di lavoro part-time e a tempo determinato, e contemporaneamente ha visto un incremento delle ricerche di questo tipo di posizioni che vanno dal +50% del Regno Unito al +58% dell’Italia, per arrivare addirittura al +400% nei Paesi Bassi. Una situazione che ha interessato prettamente, come immaginabile, i settori chiave in questo periodo di crisi – sanità e logistica su tutti – ma anche molti altri comparti.

L’altra grande tendenza, quella forse che più è destinata a lasciare un segno permanente sul mercato del lavoro, è quella dello smart working\lavoro da remoto. Anche in un contesto già evoluto da questo punto di vista come quello britannico, tale modalità lavorativa è cresciuta esponenzialmente del 1500%. Un dato che in Italia è arrivato addirittura al +2500%.

Dopo il critico bimestre marzo\aprile, da maggio stiamo registrando un trend positivo, con i primi segnali di ripresa nel numero di utenti che cercano lavoro. Si va dal +10% in Italia, al +7% nei Paesi Bassi al +5% in Germania – mentre le offerte faticano invece a tornare a livelli pre-Covid.” commenta Filippo Meraldi, Vice President Marketing & Communication di Jobrapido.  “Questo trend risulta essere totalmente nuovo: soprattutto nei paesi ad alta offerta di lavoro, per anni il mercato del recruiting è stato oggetto di uno sbilanciamento del rapporto di forza a favore dei candidati. L’emergenza dovuta al Covid-19 ha invece portato un cambiamento radicale, ribaltando completamente questa situazione: in seguito all’incremento delle ricerche degli utenti rispetto alle offerte di lavoro disponibili, la forza è tornata nelle mani dei recruiter”, conclude Meraldi.

Questo nuovo scenario introduce nel mercato della ricerca di lavoro anche un altro cambiamento molto significativo: molti utenti sono forzati a cercare lavori in nuovi e diversi settori, candidandosi a posizioni che non sono perfettamente in linea con le loro skill ed esperienze professionali, creando in questo modo una maggiore dinamicità e permeabilità tra comparti diversi ma affini.” aggiunge  Vittorio Maffei, Senior Vice President Sales & Revenues di Jobrapido. “In questo periodo così delicato, è quindi ancora più fondamentale utilizzare al meglio tempo e risorse dei recruiter, offrendo loro solo le candidature in target. A questo scopo le aziende possono contare sulle nostre soluzioni di Smart Programmatic Recruitment, flessibili e data-driven, progettate per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, riducendo tempi e costi del processo di reclutamento e migliorandone l’efficienza fino al 35%.” conclude Maffei.

Jobrapido ha supportato le imprese che durante gli scorsi mesi hanno avuto necessità di assumere velocemente nuovo personale grazie al proprio modello innovativo secondo cui le aziende pagano per candidature ottenute e non per il numero di visite all’offerta di lavoro (#CandidatesNotClicks).

Durante la pandemia è noto come la logistica abbia rappresentato la controtendenza per ricerca massiccia di personale, data dall’utilizzo sempre più diffuso dell’e-commerce. Di questo settore Jobrapido ha visto un incremento globale dei posti di lavoro offerti pari al 15%, a cui ha fatto seguito una vera e propria esplosione del numero di lavoratori che si sono candidati per posizioni nel settore (+700% Italia, +300% Regno Unito, +200% Germania, +150% Paesi Bassi), evidentemente anche a seguito della scarsità di alternative. La previsione è che il lavoro in questo comparto continuerà ad essere dinamico, in quanto la scoperta dell’approvvigionamento di beni e di cibo a domicilio resterà una tendenza anche nella fase del “new normal” e seguenti.

Emblematici e memorabili infine nel trimestre trascorso i casi come quello della sanità nel Regno Unito, che ha visto crescere le ricerche sul nostro motore di ricerca del 600%; dei medici volontari per il pronto soccorso nei Paesi Bassi, che ha registrato un +400%, e del settore della sanificazione di edifici, che in Italia ha visto decuplicarsi il numero di offerte su base annua.

Siete professionisti delle risorse umane? Scoprite come Jobrapido, il motore di ricerca di lavoro leader a livello mondiale, vi permette di selezionare i candidati più adatti alle vostre esigenze grazie a innovativi strumenti di Programmatic Recruitment e a un modello basato sulle performance.

Please follow and like us: